Lezione 17 – I verba iubendi

1 giugno 2009 di  
Categorie: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (20 voti, media: 4,05 su 5)
Loading...

In questa lezione affrontiamo lo studio dei verba iubendi, ovvero i verbi di comando e la loro costruzione. Con esercizi.Si raggruppano sotto la definizione di verba iubendi i verbi latini che esprimono i concetti di base di imporre, consentire, proibire:

  • iubeo, -es, iussi, iussum, -ere = ordinare/comandare/imporre (a uno di fare qualcosa)
  • sino, -is, sivi, situm, -ere = permettere/consentire (a qualcuno di fare qualcosa)
  • veto, -as, vetui, vetitum, -are = proibire/vietare/impedire (a qualcuno di fare qualcosa)
  • prohibeo, – es, prohibui, prohibitum, -ere = stessi significati di vetare

Come sono usati in latino? Tralasciando la forma attiva, alla quale si fa cenno alla fine della scheda, ci si deve soffermare sul loro uso al passivo. Qualche breve testo latino, confrontato con la traduzione italiana, chiarirà le differenze.

  • Commodum nostrum requirere cum aliorum damno legibus (nos) vetamur (Cic.)
    Ci è proibito dalle leggi perseguire il nostro interesse a danno degli altri.
  • Consules iubentur subitarium scribere exercitum (Liv.)
    Ai consoli viene ordinato di arruolare un esercito improvvisato.
  • Hic accusare eum non est situs (Cic.)
    A costui non fu permesso di accusarlo.
  • (Vos) Prohibiti estis in provincia vestra pedem ponere (Cic.)
    Vi fu proibito di metter piede nella vostra provincia.
  • Semina praeterea populos genitura (tu) iuberis spargere (Ov.)
    Inoltre ti viene ordinato di spargere semi che genereranno popoli.

Si può osservare che, in latino, i verba iubendi nella forma passiva sono coniugati personalmente, cioè concordati con un soggetto di 1°/ 2°/ 3° persona, singolare o plurale. I corrispondenti verbi italiani, invece, nella forma passiva generalmente non ammettono come soggetto una persona, ma solo una cosa (sostantivo, infinito, proposizione soggettiva). Infatti in italiano non si usano espressioni del tipo “un uomo viene vietato”, “tu vieni proibito”, “noi fummo consentiti” etc., mentre si dice “una strada viene vietata”, “il film è proibito”, “il viaggio viene consentito”, “è proibito fumare”, “fu consentito che entrassero tutti”.

Il diverso uso dei verbi di comando nelle due lingue spiega la difficoltà dei principianti a tradurli; essa è però superabile con un piccolo trucco, quello di usare sinonimi italiani che permettano la forma passiva personale.

  • Iubere: ordinare a uno di fare, ma anche obbligare uno a fare.
  • Iubemur dicereVeniamo obbligati a dire (passivo personale) / Si ordina a noi di dire (passivo impersonale)
  • Vetare/prohibere : vietare/proibire a uno di fare, ma anche trattenere uno dal fare
  • Prohibitus est dicere sententiam – Egli è stato trattenuto dal pronunciare la sua opinione /A lui è stato vietato di pronunciare la sua opinione.
  • Sinere: permettere/consentire, ma anche lasciare
  • Sinebamur in urbem inireVenivamo lasciati entrare in città / A noi si consentiva di entrare in città.

N.B.

Un verbum iubendi molto frequente nei testi è impero, -as, -avi, -atum, -are, che, a differenza degli altri già citati, al passivo si trova usato impersonalmente.

  • Mihi imperatur loqui – Mi viene ordinato di parlare
  • Tibi imperatum est exire – ti è stato ordinato di uscire (nota che il participio è di genere neutro, come sempre nel passivo impersonale)

Appendice – costruzione attiva dei verba iubendi

Nella forma attiva impero è seguito quasi sempre da una completiva di tipo volitivo, con ut/ne e il congiuntivo; iubeo è seguito da accusativo e infinito; gli altri verba iubendi possono reggere un’infinitiva o un congiuntivo con ut, quin o quominus.

  • Caesar pontem rescindi iubet (Ces.) – Cesare ordina che il ponte venga tagliato/di tagliare il ponte.
  • Caesar suis imperavit ne quod omnino telum in hostes reicerent (Ces.) – Cesare ordinò ai suoi che non rigettassero/di non rigettare assolutamente alcun dardo contro i nemici.
  • Vinum a mercatoribus ad se importari non sinunt (Ces.) – Non permettono che il vino venga importato nel loro territorio dai mercanti
  • Nostros intra munitiones ingredi prohibebant (Ces.) – Impedivano che i nostri entrassero all’interno delle fortificazioni

Esercizi

Latino-Italiano

  1. Plura scribere fletu prohibeor (Cic.)
  2. Non adesse eram iussus (Cic.)
  3. Redemptores vetiti sunt frumentum parare (Liv.)
  4. Milites quod iussi sunt faciunt (Ces.)
  5. Aebutius restituere fundum iubebatur (Cic)
  6. Templa iubet fieri Veneri (Ov.)
  7. Numidae sicuti iussi erant in proxumos (=proximos) collis (=colles) discedunt (Sall.)
  8. Scribi duae urbanae legiones iussae sunt et viginti milia sociorum (Liv.)
  9. Inter vineas seri non vetentur fici (Pl. Sen.)
  10. Hernici et Latini iussi sunt milites dare ex foedere (Liv.)
  11. Dolore prohibeor, quae gesta sunt, pronuntiare (Ces.)
  12. Ad doctas proficisci cogor Athenas (Prop.)
  13. Nec quicquam, quod lege vetor committere, feci (Ov.)
  14. Fit in hostes impetus nostrorum, sed e muro sagittis tormentisque fugientes persequi prohibebantur (Ces.)
  15. Caesar speculatoria navigia militibus compleri iussit (Ces.)
  16. Ficus in doleum vel in amphoras conditur et ibi sinitur fermentari (Col.)
  17. Flaminius consul iis signis iisque auspiciis, quibus pugnare prohibebatur, non paruit (Cic.)
  18. Parentes prohibentur adire ad filios, prohibentur liberis suis cibum vestitumque ferre (Cic.)
  19. Caesar Helvetios in fines suos reverti iussit (Ces.)
  20. Sabinus, iussus arma abicere, imperatum facit suisque ut idem faciant imperat (Ces.)
  21. Missi (sunt) legati Athenas Sp. Postumius Albus A. Manlius P. Sulpicius Camerinus, iussique inclitas leges Solonis describere et aliarum Graeciae ciuitat(i)um instituta mores iuraque nascere (Liv.)
  22. Iubetur Arridaeus rex corpus Alexandri in Hammonis templum deducere (Giust.)
  23. Populus eum diem festum habere ac servare in perpetuum iussus est (Liv.)
  24. Nolani muros portasque adire vetiti sunt (Liv.)

Italiano-Latino

  1. Mi è stato proibito di assistere ai giochi.
  2. Vi si consente di parlare.
  3. Sono costretto a parlare in mia difesa.
  4. Gli fu comandato di andare in esilio.
  5. Si comanda loro di essere presenti il giorno successivo.
  6. E’ proibito immolare vittime umane.
  7. Mi si vieta di fare ciò che è permesso a tutti gli altri.
  8. Ad Antioco fu concesso di regnare sino ai monti Tauri.
  9. Non ci sarà permesso partire prima dell’alba.
  10. Essendovi stato comandato di deporre le armi, eseguite subito l’ordine che avete ricevuto.

Commenti

2 Commenti a “Lezione 17 – I verba iubendi”
  1. lingualatinaa scrive:

    Mi sembra molto interessante questo blog di latino, ma sarebbe buono un corso di latino simile ai corsi di lingue moderne, con i saluti, i colori, le parti della casa…

  2. Alexa scrive:

    Questo blog è ottimo. Mi chiedo però, se per fare gli esercizi, non servi anche una traduzione per sapere se sono stati effettuati correttamente.

E tu cosa ne pensi?

Scrivi un commento a questo articolo...
se vuoi che il tuo avatar compaia insieme al commento, registrati a gravatar!