Lezione 17 – I verba iubendi

1 giugno 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (18 voti, media: 4,00 su 5)
Loading ... Loading ...

In questa lezione affrontiamo lo studio dei verba iubendi, ovvero i verbi di comando e la loro costruzione. Con esercizi.  Leggi l’articolo

Lezione 16 – L’uso dei casi con preposizione

18 maggio 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (8 voti, media: 3,00 su 5)
Loading ... Loading ...

In questa lezione parliamo dell’uso dei casi con preposizione, per l’espressione delle molteplici funzioni sintattiche.

 Leggi l’articolo

Lezione 15 – Esercizi sugli usi di cum

4 maggio 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (11 voti, media: 3,00 su 5)
Loading ... Loading ...

Livello Base – Tutti gli usi di Cum

Latino-Italiano

  1. Cum Caesar in Galliam venit, legatos ad Aeduos misit.
  2. Cum multa diceres, tamen nihil audivi.
  3. Preclare facis, cum fratrem tuum amas.
  4. Cum rus veni, reficior.
  5. Semper de iisdem rebus disputat magna cum voluptate.
  6. Cum ille hoc dixerit, omnes tacent.
  7. Cum liberis pater profectus est.
  8. Cum in villa sim, multas diei horas ago legens vel scribens.
  9. Cum Gallos tum Helvetios Romani vincere possunt.
  10. Milites, cum arma abiecissent, ad flumen fugerunt.
  11. Cum captus sit, puer in vincla ducitur.
  12. Cum magnus militum numerus interficeretur, pauci salutem fuga petebant.
  13. Venerat frater meus cum aliquot amicis.
  14. Cum Romam venirem, amicus tuus iter mecum fecit.
  15. Cum patrem meum non viderim, ei litteras mittam.
  16. Cum Liviam aspiciam, amor me vincit.
  17. Sociorum copiae in monte constiterunt, cum dux statuisset equitatum exspectare.
  18. Cum servi agros colerent, dominus cum liberis otiosus vivebat.
  19. Per tres annos in eadem urbe cum propinquis meis vixi.
  20. Cum Athenis essem, frequenter Zenonem audiebam.
  21. Phocion fuit perpetuo pauper, cum divitissimus esse posset propter frequentes delatos honores.

Italiano-Latino

In tutte le frasi è consigliato l’uso di subordinate esplicite con cum

  1. Parlando così delle tue imprese, non sei degno di fede.
  2. Discutendo con gli amici su questo fatto, mostrò di essere inesperto.
  3. Quando Cesare vinceva i soldati esultavano.
  4. Avendoti visto incolume sono molto contento.
  5. Tutti mi credono sciocco, mentre invece sono solo un abile bugiardo.
  6. Vedendo i suoi amici si rallegrò molto.
  7. Tutti erano pronti al combattimento, quand’ecco che il sole si eclissò.
  8. Poiché non lo stimo non voglio incontrarlo.
  9. Dopo che mi hai punito ho capito il mio errore.
  10. Benché tu sia mio amico, non ti aiuterò.
  11. Dopo che la città fu distrutta, gli abitanti furono venduti come schiavi.
  12. Ti porterò un regalo quando arriverò in città.
  13. Poiché hai detto la verità ti premierò.
  14. Sebbene avesse detto la verità, nessuno gli diede ascolto.
  15. Essendo Cesare giunto vincitore dalla Gallia, i Romani lo accolsero festosi.

Livello Medio – Usi di Cum

Latino-Italiano – Cum con indicativo

  1. Morati melius erimus, cum didicerimus quid natura desideret (Cic)
  2. Vix Aeneas ea fatus erat, geminae cum forte columbae ipsa sub ora viri caelo venere (=venerunt) volantes (Virg.)
  3. Cum omnes Caesarem metuebamus, Pompeius ipse eum diligebat (Cic)
  4. Praeclare facis, cum memoriam eorum tenes (Cic)
  5. Cum cubitum ierat, omnia speculabatur et perscrutabatur antea (Cic)
  6. Omnia sunt incerta, cum a iure discessum est (Cic)
  7. Verres, cum ad aliquod oppidum venerat, eadem letica usque in cubiculum deferebatur (Cic)
  8. Fuit quoddam tempus cum in agris homines passim, bestiarum modo, vagabantur te sibi victu fero vitam propagabant (Cic)
  9. Ego te, cum in Massilienses tam acerbus es, non animo aequo audio. Quousque enim Massiliam oppugnabis?
  10. Cum huc veni, hoc ipsum nihil agere et plane cessare me delectat (Cic)

Latino-Italiano – Cum con congiuntivo

  1. Cum interemisset Clitum, familiarem suum, vix a se Alexander manus abstinuit (Cic)
  2. Ipse Cicero, cum tenuissima valetudine esset, ne nocturnum quidem sibi tempuad quietem relinquebat (Cic)
  3. Cum ceteris in coloniis duumviri appellentur, hi praetores appellari volebant (Cic)
  4. Cur Lysias et Hyperides amatur, cum penitus ignoretur Cato ? (Cic)
  5. Cum (illi) ante noctem Capuam pervenire possent, incerti de fide sociorum, haud procul Capua omnium egena corpora humi prostraverunt (Liv)
  6. Cur Antonius tam mansuetus in senatu fuit, cum in edictis tam ferus fuisset? (Cic)
  7. Cum id facere non possem, quievi, nec abiecte nec sine aliqua digitate casum illum tuli (Cic)
  8. Cum inambularem in xysto et essem otiosus domi, Marcus ad me Brutus cum T. Pomponio venerat (Cic)
  9. Cum e Pompeiano me Romam recepissem, Cincius noster eam mihi epistulam reddidit, quan tu dederas (Cic)
  10. Cum Caligula adversus cunctos ingenti avaritia, libidine, crudelitate saeviret, in Palatio interfectus est (Eutr)
  11. Alexander, cum in solium ascendisset, varias barbaras gentes armorum vi aut sui nominis terrore subegit (Cic)
  12. Cum nox descenderit, stellae apparent in caelo (Nep)
  13. Cum sis mortalis, quae sunt mortalia cura (Catone)
  14. Aures, cum sonum percipere debeant, recte in altis corporum partibus collocatae sunt (Cic)
  15. Scipio et Figulus consules, cum augures indicassent (=indicavissent) eos vitio creatos esse, magistratu se abdicaverunt (Cic)
  16. Nec te reprehendo, cum istam reprehensionem ipse non fugerim (Cic)
  17. Tu, cum Hannibal in Italia sit, relinquere Italiam paras ? (Liv)
  18. Ego ita censeo, cum res publica in summa pericola venerit (Sall)
  19. Athenae cum florerent aequis legibus, procax libertas civitatem miscuit frenumque solvit pristinum licentia (Fed)
  20. Simulat se eorum praesidio confidere, cum interea aliud quidam iam diu machinetur (Cic)
  21. Nihil satis paratum ad bellum in praesentia habebant Romani, non exercitum, non ducem, cum Perseus omnia preparata atque instructa haberet (Liv)
  22. Regulus, cum retineretur a propinquis et ab amicis, ad supplicium redire maluit quam fidem hosti datam fallere (Cic)
  23. Caesar, cum septimam legionem, quae iuxta constiterat, urgeri ab hoste vidisset, tribunos militum monuit ut paulatim sese legiones coniungerent (Ces)
  24. Cum iam amplius horis sex continenter pugnaretur ac non solum vires sed etiam tela nostros deficerent, Baculus et Volusenus ad Galbam accurrunt atque unam esse spem salutis docent (Ces)

Lezione 14 – Cum e indicativo

20 aprile 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (7 voti, media: 3,00 su 5)
Loading ... Loading ...

In questa lezione affrontiamo la sintassi di cum e l’indicativo.  Leggi l’articolo

Lezione 13 – Cum e congiuntivo

30 marzo 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (9 voti, media: 3,00 su 5)
Loading ... Loading ...

Lezione sulla sintassi e gli usi di cum e congiuntivo.  Leggi l’articolo

Lezione 12 – Il futuro semplice

23 marzo 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (9 voti, media: 4,00 su 5)
Loading ... Loading ...

In questa lezione andiamo ad affrontare la morfologia del futuro semplice, attivo e passivo.  Leggi l’articolo

Lezione 11 – Comprendere e tradurre

9 marzo 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (15 voti, media: 4,00 su 5)
Loading ... Loading ...

Queste norme sembreranno veramente banali ma non lo sono. Uno studente che traduce bene riesce non perché conosca meglio di tutti gli altri la teoria, ma perché usa un corretto metodo di traduzione. Bisogna sempre ricordarsi di tradurre con metodo. Ecco alcune norme generali da seguire, utili sia per le frasi isolate che per i brani continui:

  1. E’ assolutamente inutile, anzi controproducente, aprire il vocabolario prima di aver eseguito alcune operazioni preliminari, necessarie per la comprensione. Questo presuppone però che si conosca un buon numero di parole del lessico latino di base. Sarà forse una brutta sorpresa, ma il possesso di un vocabolario latino non è affatto garanzia di una traduzione corretta; invece la conoscenza di molte parole latine facilita molto la comprensione del senso globale.
  2. La prima operazione utile (in caso di versione continua) è la lettura ragionata del titolo, che spesso dà informazioni importanti sul personaggio o sulla vicenda o sulle riflessioni proposte dall’autore. Bisogna chiedersi cosa si sa già su quell’argomento; se è mitologico, fare una breve ricerca sul protagonista (si potrebbe scoprire che Enea era un uomo e non una donna!); se è storico, rinfrescare le proprie conoscenze o cercarle velocemente (per evitare che, alla fine, il popolo vincitore di una guerra risulti nella traduzione il vinto!).
  3. Fase successiva, valida per frasi e versioni: lettura accurata dell’intero testo, anche ripetuta, alla ricerca di tutte le informazioni implicite: se si trova un nam, congiunzione esplicativa (= infatti), ci si deve aspettare che lì venga spiegato un concetto espresso in precedenza; se ci sono parole inizianti con maiuscola, si parlerà di luoghi, personaggi o popoli.
  4. Si procede, in caso di frase isolata più o meno breve, sottolineando il predicato e ricercando il soggetto coerente con esso; se i predicati sono più di uno, s’individuano le connessioni (congiunzioni); all’interno di ciascuna proposizione si raggruppano in blocchi (sintagmi) i nomi con i rispettivi attributi ed eventuali preposizioni (se c’è ex, deve esserci almeno un nome in ablativo, con cui ex va raggruppato). A questo punto ci si chiede quale possa essere la funzione dei singoli sintagmi, vista sempre in relazione al verbo (se c’è un predicato venit, un sintagma in accusativo non potrà essere interpretato come oggetto, essendo venit intransitivo).
  5. Le operazioni precedenti, se eseguite scrupolosamente, dovrebbero aver già dato una notevole quantità d’informazioni sul significato globale del testo. La consultazione del vocabolario, a questo punto, va fatta soprattutto per avere la conferma o la smentita di ipotesi di interpretazione. Il corretto uso del vocabolario (com’è fatto, che significano i simboli, come ci si orienta al suo interno) è altra storia.

Una guida più dettagliata all’analisi di brani dalla sintassi complessa verrà presentata nel prosieguo del corso.

Lezione 10 – La terza declinazione, nominativo e tema

23 febbraio 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (18 voti, media: 4,00 su 5)
Loading ... Loading ...

Come individuare il tema di un nome della terza declinazione e risalire al caso nominativo. Comprende esercizi.

 Leggi l’articolo

Lezione 09 – La terza declinazione

16 febbraio 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (16 voti, media: 3,00 su 5)
Loading ... Loading ...

In questa lezione affronteremo lo studio della terza declinazione latina. Comprende esercizi.

 Leggi l’articolo

Lezione 08 – L’uso dei casi semplici

9 febbraio 2009 di  
Sezioni: Corso base di Latino, Didattica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (9 voti, media: 4,00 su 5)
Loading ... Loading ...

In questa lezione si approfondisce l’uso sintattico dei casi semplici. Con esercizi.

 Leggi l’articolo

Pagina Successiva »